• loggia

    Loggia Martì

    Questa casa non è un albergo: è appunto una casa, ed è qui che abito coi miei due bassotti Leopoldo e Sofia. Io sono Alessandra e una mattina milanese e grigia ho deciso che la mia vita sarebbe cambiata. Loggia Martì è l’espressione del mio desiderio: un posto buono dove non è la ricerca del design, ma la quiete della bellezza a dare spazio e respiro al tempo mio e dei miei ospiti.

    E così oggi a Gargnano, in un palazzo antico, del Seicento, nel cuore di Fornìco, che è un borgo minuto di viottoli stretti, muraglioni, uliveti e limonaie affacciato come un raro loggione sull’intero Lago di Garda, ci sono stanze fatte di legno, pietra e oggetti stravaganti che ho raccolto nella mia precedente vita cittadina. Si sono uniti e intrecciati e fusi come se fossero nati per stare insieme. Ognuno di essi ha una piccola o grande storia, che a volte fino in fondo è segreta anche per me, ma che esiste ed è bello che sia custodita qui.

    Mi piace pensare che i miei ospiti vengono a Loggia Martì soprattutto perché qui il sonno è sereno, il risveglio è piacevole e i momenti di convivialità un rito. La colazione ogni mattina, se lo preferite, fuori dalla porta della camera, e le cinque del pomeriggio, che qui sono e saranno sempre l’ora del tè coi biscotti buoni. Al tramonto, poi, prima di uscire è bello intrattenersi con un bicchiere di vino e, quando alla sera si rientra, ci sono infusi e tisane a dare il benvenuto alla notte.

    Ecco, Loggia Martì è questo: un posto in cui stare bene, da cui muoversi, in cui tornare. Una casa, appunto: la mia e anche la vostra.

  • dentro

    Cosa c’è dentro

    Chi viene a Loggia Martì deve sapere che qui la memoria è un bene prezioso e non verrà cancellata. Ho voluto che il passato fosse sempre leggibile nel presente, e per questo ad esempio, ho rispettato la transizione fluida tra la primitiva “cantina-stalla” e l’attuale “sala di conversazione-ristoro”. La loro convivenza è raccontata dalla suggestione delle pietre antiche, dall’architettura ad arco dei volti, dalle luci calde, dagli arredi che appartengono al secolo scorso, al tempo di oggi, a una vita contadina e al mondo metropolitano.

    Il valore del tempo e dello spazio ne risulta così esaltato, e tutto concorre a un’atmosfera raccolta e accogliente.

    Perché qui ogni colore, ogni materiale e ogni superficie ha un senso. La “trasparenza” delle camere e il modo in cui luci e ombre dialogano tra loro sono un invito a vivere un tempo quieto e sospeso. Il recupero non è solo una filosofia alla moda, ma il bisogno autentico di riscoprirsi e ritrovarsi attraverso ciò che siamo stati. Il moto verso il riappropriarsi di chi siamo davvero.

    È per questo che nelle camere il televisore ha lasciato il posto a una poltrona, a una coppia di sedie da cinema, a un antico camino trasformato in divano. È per lasciar libero il pensiero e leggera la mente.

    Gesti come accarezzare le pagine di un libro, assecondare il ritmo lento della vacanza o respirare il silenzio coinvolgono tutti i sensi, e ravvivano quella poetica dei sentimenti che è dentro ognuno di noi ma che talvolta si assopisce, coperta dal rumore di fondo.

  • fuori

    Cosa c’è fuori

    Quando vi affacciate c’è il giardino, che si apre sulla visione del borgo seicentesco, con la chiesetta e le case allineate sulla via silenziosa. Fare colazione in questo spazio vivo che “buca” l’orizzonte fatto di lago e di montagna, o attardarsi qui la sera al tramonto, equivale a recuperare la gioia di “vivere in superficie”, ritrovare la felicità delle cose piccole e del tempo gratuito. Iniziare o concludere una giornata con questa leggerezza è il vero antidoto alla fretta, all’ansia, al mito delle prestazioni.

    Questo potere salvifico è un effetto che conosco bene, perché lo rivivo ogni giorno.

    Oltre il verde si apre questa porzione bellissima del Lago di Garda. Una passeggiata, una gita o un’escursione sono il pretesto per esplorare i dintorni, conoscere l’Italia che gira qui intorno, capire perché questi scorci sono così amati.

    Cipressi e olivi che ricordano la Toscana, passaggi di montagna terrazzati come la Liguria, monti innevati che poggiano sull’acqua blu cobalto come nei paesaggi giapponesi.

    Anche la vegetazione, poi, racconta storie apparentemente contrastanti: capperi e buganvillea e oleandri come al sud, palme e agrumi e fichi d’India e agavi si mescolano a noccioli e ciclamini. Tutto spontaneo. Tutto rigoglioso.

    Questo è un posto strano, di quella bellezza non strutturata ma armonica, in cui ognuno di noi si sente un po’ a casa.

  • intorno

    Cosa c’è intorno

    Da Loggia Martì potrete imboccare numerosi sentieri alla scoperta del Lago di Garda o dei monti, per percorsi  sia a piedi che in mountain bike.

    In pochi minuti di automobile si possono raggiungere le mete più attive e turistiche, a partire dai parchi di divertimento – il famoso Gardaland, ad esempio –  a musei e luoghi di interesse culturale – a poca distanza il Vittoriale degli italiani -.
    Molte le opportunità di svago e divertimento di cui approfittare: dalle spiagge agli imbarchi per i traghetti e le crociere sul lago.
    Per chi volesse dedicarsi invece allo sport o al contatto con la natura: il Maneggio, le tante Palestre di arrampicata, il Campo di golf di Bogliaco, le Scuole di vela, wind surf e kjte surf, le regate veliche – prima tra tutte la Centomiglia -,  il parapendio, il canyoning etc.

Come si arriva a Loggia Martì

Loggia Martì si trova a Fornìco, che è una frazione di Gargnano, sulla sponda bresciana del Lago di Garda.
Se ci si muove in auto e si arriva da ovest, prendere l’autostrada MI-VE in direzione Venezia e uscire a Brescia Est, quindi dirigersi verso Salò. Da Salò, prendere la direzione Riva del Garda e dopo circa 15 km, superato di poco Bogliaco, alla rotonda seguire le indicazioni Villavetro / Forníco / Zuino. Proseguite per circa 1 km salendo sulla collina.
Se ci si muove in auto e si arriva da est, prendere l’autostrada MI-VE in direzione Milano e uscire a Desenzano, quindi dirigersi verso Salò. Da Salò, prendere la direzione Riva del Garda e dopo circa 15 km, superato di poco Bogliaco, alla rotonda seguire le indicazioni Villavetro / Forníco / Zuino. Proseguite per circa 1 km salendo sulla collina.
Se invece viaggiate con i mezzi pubblici, è necessario come prima cosa raggiungere la stazione di Brescia e qui prendere l’autobus per il Lago di Garda. La fermata preferibile è quella di Bogliaco.
In alternativa, sempre col treno, potete scendere alla stazione di Desenzano e prendere il traghetto per Bogliaco o Gargnano.
In entrambi in questi questi verrò a prendervi alle fermate.

Le camere

- Il valore del tempo e dello spazio -

  • La Bianca

  • La Bianca

  • La Bianca

100Per Notte

La Bianca

È la camera della luce, ed è per questo che si chiama Bianca. Due grandi finestre lasciano correre la vista sugli ulivi e l’arredo essenziale e pulito incoraggia la leggerezza.

Come per le altre camere, anche la Bianca offre bagno esclusivo, aria condizionata, zanzariera, letto matrimoniale, riscaldamento autonomo indipendente tra camera e bagno.

  • La Calda

  • La Calda

  • La Calda

120Per Notte

La Calda

Il verde pacifico del prato, il rosa dei fiori del grande albicocco in giardino e, poco più oltre, l’azzurro grandioso del lago e del cielo. Morbida e delicata e avvolgente nei toni e nelle sensazioni, questa camera è come un abbraccio.

Oltre all’accesso diretto al giardino, anche la Calda offre un loggiato privato, grande bagno esclusivo, aria condizionata, zanzariera, letto matrimoniale, riscaldamento autonomo indipendente tra camera e bagno.

  • La Gloriosa

  • La Gloriosa

  • La Gloriosa

120Per Notte

La Gloriosa

Si chiama così perché dai lucernari entra glorioso il cielo che sta sopra il lago.
La Gloriosa è una comoda stanza con un letto matrimoniale e un piccolo salotto relax nella zona mansardata. Minimale, ma ricercata, può ospitare fino a quattro persone. È dotata di bagno esclusivo, aria condizionata, zanzariera, letto matrimoniale, riscaldamento autonomo indipendente tra camera e bagno.

Ogni persona aggiuntiva, superiore alle 2 previste, avrà un costo di 25,00€ a notte.

  • La Cattedrale

  • La Cattedrale

  • La Cattedrale

130Per Notte

La Cattedrale

Grande e spaziosa, con il tetto a cuspide che ricorda una navata, si affaccia con la loggia su un panorama maestoso che abbraccia tutto il lago di Garda. La parete in pietra e il camino confermano una bellezza solida e primitiva.

Insieme al loggiato privato, la Cattedrale offre un grande bagno esclusivo, aria condizionata, zanzariera, letto matrimoniale, riscaldamento autonomo indipendente tra camera e bagno.


Contatti